Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nessun giornalista dovrebbe morire o subire danni a causa del proprio lavoro. Dobbiamo sostenere e proteggere i giornalisti; sono essenziali per la democrazia”, ha affermato Vera Jourova, vicepresidente della commissione per i valori e la trasparenza.

Dal 1992 nell'UE sono stati uccisi in totale 23 giornalisti, molti di questi negli ultimi sei anni.

All'inizio di quest'anno, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha espresso sostegno al giornalismo investigativo dopo l'uccisione di Peter R de Vries, il famoso giornalista olandese che ha raccontato della malavita violenta dei Paesi Bassi. Le proposte non vincolanti della commissione includono raccomandazioni per i paesi dell'UE per garantire indagini e azioni penali eque ed efficaci e per fornire protezione a coloro che sono minacciati, con una forte attenzione alle giornaliste.

Secondo l'UE, il 73% delle giornaliste ha subito violenze online e la commissione ha affermato che i paesi dell'UE dovrebbero "sostenere iniziative volte a responsabilizzare le giornaliste e le professioniste appartenenti a gruppi di minoranza e coloro che si occupano di questioni di uguaglianza".

"Gli Stati membri dovrebbero fornire una formazione regolare alle autorità preposte all'applicazione della legge per garantire che giornalisti e altri professionisti dei media siano in grado di lavorare in sicurezza e senza restrizioni durante tali eventi", ha affermato la commissione aggiungendo che "i competenti organismi nazionali di sicurezza informatica dovrebbero, su richiesta, assistere i giornalisti che cercano di determinare se i loro dispositivi o account online sono stati compromessi, nell'ottenere i servizi di investigatori forensi sulla sicurezza informatica".

Le proposte sono state presentate pochi mesi dopo che il rapporto annuale della commissione sull'adesione allo stato di diritto ha concluso che gli standard democratici si stavano erodendo in diversi paesi membri.

Quel rapporto ha in particolare individuato la Slovenia, che attualmente detiene la presidenza semestrale di rotazione del Consiglio europeo, per gli attacchi contro i media della nazione balcanica.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy