Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le misure di confinamento dettate in risposta alla pandemia di coronavirus in diverse regioni del Brasile non sono riuscite a contenere gli omicidi, che nel 2020, secondo l'ultimo rapporto dell'Annuario della Pubblica Sicurezza Brasiliana, sono aumentati del 4,7% rispetto a l'anno precedente. Dopo due anni di calo, si è registrato un aumento delle morti violente, con 50.033 in 12 mesi. Si tratta di una media di 6 omicidi all'ora, che equivale a uno ogni 10 minuti. Un dato che richiama l'attenzione è che il picco più alto di queste violenze si è verificato a marzo e aprile, quando il Paese ha adottato le misure più severe per il covid-19. Solo nel 2019 sono stati stati denunciati 47.742 reati. Il rapporto è stato preparato sulla base dei dati ufficiali dei 27 stati brasiliani, di cui 16 riflettevano un aumento del numero di morti violente. Il Ceará, nel nord-est, ha avuto il tasso più alto dell'intero Paese, con un aumento del 76% equivalente a 45,2 omicidi ogni 100.000 abitanti.
Mentre, Rio de Janeiro ha ridotto gli omicidi a 1.245 nel 2020, dopo aver registrato 1.814 morti nel 2019.
Dallo stesso rapporto risulta che il 91,3% delle vittime erano maschi, il 76,2% erano di etnia africana e il 54,3% erano giovani tra i 18 ei 24 anni. Allo stesso modo, su 3.913 omicidi commessi contro le donne, 1.350 casi sono stati classificati come femminicidi, mentre nella comunità LGTBQ si è registrato un aumento delle morti violente del 24,7% (sono passate da 97 nel 2019 a 121 lo scorso anno). Del numero totale di omicidi, 6.416 sono stati registrati tra le fila delle forze dell'ordine, un aumento dell'1% rispetto al 2019, è il numero più alto da quando il Forum di pubblica sicurezza brasiliano ha effettuato il successivo registro, iniziato nel 2013.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy