Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In Birmania i militari starebbero chiedendo circa 12.000 kyat (poco più di 70 euro) alle famiglie per restituire loro i corpi dei manifestanti uccisi nella repressione, secondo quanto affermano su Facebook il sindacato degli studenti dell'università di Bago, 90 km a nord-est di Yangon, e un'Ong che assiste prigionieri politici (Aapp): notizia che trova riscontro nel servizio in birmano di Radio Free Asia e risonanza dalla Cnn.

Foto © Burma Democratic Concern (BDC) is licensed under CC BY 2.0

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy