Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sarebbe di 30 ribelli uccisi e cinque catturati il bilancio degli scontri seguiti a due attacchi simultanei lanciati mercoledì mattina alle porte di Bangui da ribelli della Coalizione dei patrioti per il cambiamento (Cpc).
A riferirlo è il primo ministro centrafricano, Firmin Ngrebada. Negli scontri tra ribelli, forze centrafricane, peacekeeper della missione Onu (Minusca), e contractors russi, un casco blu ruandese era rimasto ucciso e un altro ferito. Secondo il portavoce della Minusca, gli attacchi sono stati compiuti da "gruppi armati della coalizione anti-Balaka, Upc, 3R e Mpc e dai loro alleati politici, in particolare l'ex presidente Francois Bozizè".
Il 19 dicembre, una coalizione di sei gruppi armati che occupano due terzi del territorio centrafricano, aveva annunciato un'offensiva per prendere Bangui e ostacolare il processo elettorale che ha portato alle elezioni del 27 dicembre scorso.

Foto d'archivio © U.S. Army Southern European Task Force, Africa

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy