Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le parole del Pontefice al settimo Concistoro

"Tutti noi vogliamo bene a Gesù, tutti vogliamo seguirlo, ma dobbiamo essere sempre vigilanti per rimanere sulla sua strada. Perché con i piedi, con il corpo possiamo essere con Lui, ma il nostro cuore può essere lontano, e portarci fuori strada. Così, ad esempio, il rosso porpora dell'abito cardinalizio, che è il colore del sangue, può diventare, per lo spirito mondano, quello di una eminente distinzione". E' questo il monito lanciato durante l'omelia da Papa Francesco nel Concistoro nella Basilica di San Pietro ai 13 nuovi cardinali nominati, di cui nove 'elettori' in caso di Conclave. "E tu non sarai più il pastore, vicino al popolo: sentirai solo di essere un'eminenza. Quando tu sentirai quello, sentirai di essere fuori strada", ha avvertito il Pontefice. Commentando il Vangelo il Papa ha spiegato poi che la strada "è l'ambiente in cui sempre si svolge il cammino della Chiesa: la strada della vita, della storia, che è storia di salvezza nella misura in cui è fatta con Cristo, orientata al suo Mistero pasquale". E punta il dito contro "un'altra strada", quella "di chi, magari senza nemmeno rendersene conto, 'usa' il Signore per promuovere sé stesso; di chi - come dice San Paolo - cerca i propri interessi e non quelli di Cristo". E ciò significa essere "fuori strada". "Conversione è proprio questo - ha aggiunto -: da fuori strada, andare sulla strada di Dio". Il Concistoro, per la prima volta all'Altare della Cattedra della Basilica vaticana, proprio per l'emergenza-Covid ha visto assenti due dei nuovi porporati - Cornelius Sim, primo cardinale del Brunei, e Jose F. Advincula, arcivescovo di Capiz (Filippine) - che riceveranno la berretta e l'anello in seguito. Solo qualche decina i membri del Sacro Collegio presenti, mentre gli altri, impossibilitati a raggiungere Roma, partecipano al rito da remoto. Assente anche il cardinale Angelo Becciu, prefetto emerito della Congregazione delle cause dei santi, licenziato da Francesco al quale il Papa ha tolto anche i diritti connessi al cardinalato.
(Prima pubblicazione: 29 Novembre 2020)

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy