Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sul coinvolgimento del "boss dei due mondi" Alfonso Caruana nel ruolo di "sicuro protagonista" del narcotraffico internazionale ci sono testimonianze "convergenti". Lo dice in maniera chiara la Suprema Corte di Cassazione nella sentenza con cui, dichiarando l'inammissibilità dell'ultimo ricorso della difesa, ha reso definitiva la condanna a 18 anni di carcere pronunciata dalla Corte d'appello di Torino l'8 aprile 2019.
Caruana, 74 anni, originario di Castelvetrano (Trapani), considerato dagli inquirenti il capo della famiglia mafiosa dei Cuntrera-Caruana, fu individuato e arrestato in Canada - dove si era stabilito alla fine degli anni Sessanta - al culmine di un'indagine della procura e dei carabinieri di Torino legata al ritrovamento e al sequestro, nel 1994, di un tir con un carico di cinque tonnellate di cocaina proveniente dal Sudamerica.
In seguito, su richiesta della procura generale del Piemonte, era stato estradato.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy