Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è "stato arrestato". La notizia è stata diffusa dall'account Twitter del partito al potere dell'Unione Nazionale Africana di Zimbabwe - Fronte Patriottico (Zanu-Pf), che - seppur lacerato - continua a rassicurare che "nello Zimbabwe non è in atto un golpe", avverte che "oggi ha inizio una nuova era" e che "Emerson Mnangagwa ci aiuterà ad avere un Paese migliore". Grace Mugabe, la moglie del presidente dello Zimbabwe, avrebbe lasciato il Paese per la Namibia. Lo ha detto un parlamentare del partito di opposizione Mdc in Zimbabwe, Eddie Cross, alla Bbc, aggiungendo di ritenere che alla donna sia stato concesso di lasciare il paese la scorsa notte dall'esercito.

golpe mugabe c AFP getty images

La situazione è precipitata dopo le ultime manovre di palazzo, che hanno portato alla fuga del vicepresidente Emmerson Mnangagwa, potenziale successore dell'ultranovantenne capo di Stato, accusato, dopo 50 anni al fianco di Mugabe, di tramare contro di lui.

In riferimento a Mnangagwa si legge nei tweet: "Sarà il presidente dello Zanu-Pf", "Né lo Zimbabwe né lo Zanu sono di Mugabe e della sua moglie". Anche tre ministri del governo sono stati arrestati dai militari, che hanno preso il controllo delle strade della capitale Harare, davanti al parlamento. Si tratta del titolare delle Finanze Ignatius Chombo, quello dell'Educazione Superiore Jonathan Moyo e quello delle opere pubbliche, anche commissario politico dello Zanu-Pf, Saviour Kasukuwere. I tre fanno parte del gruppo conosciuto come G40, una corrente del partito al potere che secondo gli analisti cerca di espellere i veterani della guerra di indipendenza, tra i quali figura Mnangagwa, destituito per spianare la strada del potere alla first lady Grace Mugabe. Secondo la stampa locale, Moyo sarebbe stato il cervello della fazione, una delle tante in cui si è diviso il partito, per organizzare la successione di Mugabe.

Da 30 anni al potere come presidente (1987-2017), primo ministro dello Zimbabwe dal 1980 al 1987, il leader di 93 anni Mugabe, deve fare i conti con quello che sembra essere proprio un colpo di stato. L'esercito ha già smentito, ma per precauzione l'ambasciata Usa ha chiuso la sede al pubblico, mentre quella della Gran Bretagna ha invitato i suoi cittadini a rimanare a casa. Su twitter la sede diplomatica americana ha citato "la situazione incerta" e "segnalazioni di inusuali attività militari" in città.

Il comunicato dell'esercito, successivamente smentito dai fatti: "Non è un golpe"
In diretta tv, i militari hanno letto un comunicato. "Non è una presa di potere dell'esercito sul governo", ha detto un generale leggendo la dichiarazione. "Vogliamo assicurare che sua eccellenza il presidente e la sua famiglia sono al sicuro. Stiamo dando la caccia ai criminali che circondano Mugabe e chi li spalleggia nel commettere crimini che causano sofferenze sociali ed economiche al paese. Li porteremo davanti alla giustizia - continua il comunicato, prima di concludere - non appena avremo compiuto la nostra missione ci aspettiamo che la situazione torni alla normalità".

rainews.it

Foto © AFP/Getty Images

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy