Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un pool di investigatori, sostenuto da esperti Usa e olandesi, sta spulciando una serie di articoli in cui la blogger accusava alcune persone, maltesi e straniere. Lunedì a Malta arriva la Commissione Antimafia

the pen conquers fear

Alcuni articoli di denuncia, soprattutto quelli pubblicati a marzo, e due messaggi telefonici inviati in tempi recenti al suo avvocato. E' su questo materiale che indaga in queste ore la polizia maltese per cercare un indizio o una pista da seguire nell'inchiesta sulla morte di Daphne Caruana Galizia, giornalista e blogger uccisa lunedì scorso con un'autobomba nei pressi della sua abitazione.

times malta 610

La Polizia di Malta sta lavorando in collaborazione con esperti forensi olandesi e statunitensi e lunedì 24 ottobre anche una delegazione parlamentare guidata da Rosy Bindi sarà sull'isola, in rappresentanza della Commissione italiana Antimafia. Oltre alla presidente saranno presenti la deputata Laura Garavini (PD) e un rappresentante M5S tra Luigi Gaetti e Giulia Sarti. Escluso invece dalla missione il senatore Mario Giarrusso (M5s). “Avevo dato la mia disponibilità ma quando venerdì sono andato a Palazzo San Macuto per ritirare i documenti per la partenza mi è stato detto da una funzionaria che ero stato escluso perché segnalato dal governo di Malta come persona non gradita per alcune dichiarazioni fatte in seguito alla morte di Daphne Caruana Galizia”, ha dichiarato a Repubblica.it. Le frasi nel mirino sarebbero quelle sulle responsabilità indirette del governo maltese nell’uccisione della giornalista.

Le indagini della Polizia di Malta si stanno muovendo anche sugli articoli pubblicati sul blog della giornalista. L'attenzione, a quanto si apprende, è concentrata su quelli pubblicati nello scorso marzo. Secondo gli investigatori, ci sono degli articoli in cui la giornalista dimostra con chiarezza che ci sono molte persone che sono una minaccia per la sua vita. In questi articoli, la giornalista si riferisce a persone sia maltesi che straniere coinvolte in varie attività illecite. Caruana Galizia scrisse di aver parlato con alcune di queste persone e di aver avuto delle minacce in risposta. Un gruppo di esperti sta ora analizzando in dettaglio tutti gli articoli, sia quelli recenti sia quelli di alcuni mesi fa, in particolare quelli in cui Caruana Galizia si riferisce alle minacce. La polizia maltese sta anche valutando due messaggi che Daphne Caruana Galizia ha inviato al suo avvocato nove giorni prima di essere uccisa. Il legale, Robert Montalto, ha confermato di avere ricevuto questi sms sul cellulare, ma di non avere mai rivelato il contenuto dei messaggi.

Intanto, sul fronte delle indagini, un contadino che si trovava vicino alla zona dell'esplosione, ha dichiarato di aver sentito distintamente tre forti boati a pochi secondi l'uno dall'altro. Secondo gli investigatori, Daphne Caruana Galizia sarebbe stata uccisa nella seconda esplosione. Il governo di Malta, contro il quale si è scagliato nei giorni seguenti all'omicidio il figlio della giornalista, ha offerto una ricmpensa di un milione di euro a chi sia in grado di fornire informazioni utili che possano portare all'arresto dei responsabili dell'assassinio.


repubblica.it

In foto: "La penna batte la paura", tutti i quotidiani di Malta pubblicano in prima pagina questa scritta nell'edizione di domenica 22 ottobre

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy