Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Messico rsf-300x2224 luglio 2015
In Messico si continua a morire di giornalismo: nelle ultime ore si è avuta infatti notizia dell’uccisione di altri due reporter. Si tratta di Filadelfo Sanchez Sarmiento, voce di radio ‘La Favorita’ di Miahuatlán, e del blogger Juan Mendoza Delgado. Una vera guerra che ha visto negli ultimi anni cadere vittime dei cartelli della droga oltre 80 operatori dell’informazione.

In Messico i giornalisti continuano a morire vittime della guerra per il controllo del territorio che i cartelli dei narcotrafficanti stanno conducendo da anni ormai contro le istituzione del Paese centro-americano.
Le ultime due vittime di cui proprio in queste ore si è avuta notizia sono Filadelfo Sanchez Sarmiento, ucciso a colpi d’arma da fuoco da due killer mentre lasciava la sua stazione radio a Miahuatlan, nello Stato meridionale di Oaxaca, e Juan Mendoza Delgado, noto blogger.
Sarmiento è il terzo reporter ucciso in tre mesi nella regione di Oaxaca, Delgado è stato assassinato nello Stato orientale di Veracruz ed è il tredicesimo giornalisto ucciso dal 2010 in quella zona.
In totale, fa sapere Reporter senza frontiere, da quando i cartelli dei narcotrafficanti hanno di fatto assunto il controllo di vaste zone del Messico, oltre 80 tra reporter e tecnici sono stati uccisi in 10 anni e 17 sono scomparsi nel nulla.

Fonte: Fnsi

articolo21.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy