Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

putin-vladimir-web13 settembre 2013
Il ministero della difesa russo ha annunciato che i suoi sistemi radar hanno rilevato due "oggetti balistici" lanciati dal centro del Mediterraneo verso la costa orientale del bacino. Israele: "Non abbiamo riscontri del lancio". Ambasciata russa a Damasco: "Qui nessun attacco"
Il governo russo ha fatto sapere che sono stati identificati due missili balistici bel Mediterraneo  verso la costa Orientale del bacino. La rilevazione, avvenuta alle  10,16 ora di Mosca (le 8,16 in Italia), è stata segnalata dal ministro Sergei Shoigu al presidente russo Vladimir Putin, aggiunge il ministero. Secondo fonti diplomatiche gli "oggetti balistici" sarebbero caduti in mare. A registrate il lancio dei missili, ha riferito un comunicato del ministero della Difesa, è stata la stazione Armavir, nel sud della Russia. La notizia è stata diffusa dall'agenzia di stampa Ria. Israele ha fatto sapere di non avere riscontri.

Poco dopo l'ambasciata russa ha dichiarato che non vi sono segnali di un attacco missilistico o di esplosioni nell'area di Damasco. In precedenza funzionari russi avevano criticato gli Stati Uniti per aver portato dei navi da guerra nel Mediterraneo, in prossimità della Siria.

La Russia ha fatto sapere di avere le prove dell'uso di armi chimiche da parte dei ribelli siriani nell'attacco chimico del 21 agosto a est di Damasco: lo sostiene l'ambasciatore siriano a Mosca, Riad Haddad. "Tutte le prove e gli elementi dimostrano che sono stati i gruppi armati dell'opposizione ad usare armi chimiche in quell'attacco", ha annunciato Haddad, spiegando che le prove presentate da Mosca sono "fotografie in cui sono visibili il luogo e l'orario del lancio del razzo".

La Russia ha inviato verso la Siria la nave da ricognizione Priazyovye per "raccogliere informazioni nell'area del conflitto in via d'intensificazione". Mosca, principale alleato di Damasco, mantiene una presenza costante con molte navi da guerra nell'est del Mediterraneo dall'inizio della crisi in Siria, due anni e mezzo fa.

repubblica.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy