Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

il racconto drammatico in una serie di scatti
di A. Cas. - 10 ottobre 2012
Testimone della sparatoria in cui sono morti genitori e fratelli. Racconta tutto alla polizia e consola la sorella di 3 anni
Un bambino di sei anni racconta alla polizia come un commando di killer ha massacrato i suoi genitori, i fratellini di otto anni e otto mesi, e tre vicini. Poi il bimbo prende sotto il braccio la sorellina di tre anni. E finalmente si abbandona al pianto. Sono le immagini catturate da un fotografo dell'agenzia Epa giunto sul luogo dell'ennesima mattanza in Guatemala quando il fumo degli spari non si era ancora posato.

massacro-guatemala-web
Come racconta il Daily Mail, i due bambini sono stati fortunati a sfuggire illesi alla pioggia di pallottole riversata dai killer sulla loro piccola casetta, una baracca di lamiera, a Las Escobas, nella municipalità di Villa Canales, 22 chilometri a sud di Guatemala City. Nelle foto si vede il piccolo Carlos indicare agli agenti il luogo dell'aggressione, mima persino gli assassini dei suoi familiari facendo il segno del mitra. Quindi abbraccia la sorellina. E in un ultimo scatto lo si vede singhiozzare, con il volo coperto dai pugni.

Trato da: corriere.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I┬░, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy