Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

6 luglio 2012
Buenos Aires. La giustizia argentina ha condannato oggi a 50 anni di reclusione l'ex dittatore Jorge Rafael Videla, e con lui altri esponenti militari, per il sequestro dei figli dei desaparecidos. Con lui sono stati condannati l'ex ufficiale della Marina Antonio Vañek, a 40 anni, l'ex capitano Jorge Eduardo "Tigre" Acosta, a 30 anni, (capo dell'intelligence del gruppo responsabile dell'Esma, uno dei maggiori centri di detenzione clandestini), l'ultimo presidente de facto, reynaldo Bignone a 15 anni e l'ex prefetto Juan Antonio Azic, a 14 anni. La causa, che per la prima volta porta a delle condanne per questo particolare reato, era stata avviata alla fine del 1996 e riguardava 35 casi citati ad esempio del piano sistematico di sequestro dei neonati dei desaparecidos messo in atto dalla dittatura militare.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy