Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Tribunale di Reggio Calabria ha dichiarato la prescrizione per la presidente dell'associazione antimafia "Riferimenti" Adriana Musella e la dirigente dell'istituto d'istruzione superiore "Piria" di Rosarno Maria Rosaria Russo. La prima, con l'accusa di appropriazione indebita e malversazione, la seconda per abuso d'ufficio, erano state rinviate a giudizio nel febbraio del 2019 su richiesta dell'allora procuratore aggiunto di Reggio Calabria Gerardo Dominijanni, oggi procuratore generale, e del sostituto Sara Amerio. Secondo l'accusa, Adriana Musella non avrebbe utilizzato per gli scopi stabiliti fondi ricevuti dagli enti pubblici che ne finanziavano l'attività. In particolare veniva contestato di avere impiegato parte dei fondi che le erano stati erogati per viaggi, pranzi, soggiorni in hotel ed acquisti di beni di consumo. L'accusa di abuso d'ufficio a carico di Maria Rosaria Russo, oggi candidata civica a sindaca di Gioia Tauro, scaturisce invece dal fatto che la dirigente, nella qualità di responsabile reggente del liceo scientifico di Roccella Ionica, avrebbe acquistato cento copie del libro "Vittime di mafia, nome comune di persona" e 520 di "Quaderni di mafia", volumi pubblicati entrambi dall'associazione "Riferimenti" di cui la stessa dirigente era coordinatrice nazionale del settore Scuola. Il processo, iniziato nell'aprile 2019, era ancora in fase dibattimentale. Essendo i fatti contestati risalenti al periodo tra il 2012 e il 2016, il Tribunale ha dichiarato la prescrizione.

Fonte: Ansa 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos