Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Consiglio di Stato ha respinto l'istanza cautelare presentata dal Consiglio Superiore della Magistratura e ha confermato l'efficacia della sentenza con cui il Tar del Lazio aveva bocciato il conferimento dell'ufficio direttivo di Procuratore generale presso la Corte d'Appello di Genova a Roberto Aniello. Il Csm è stato condannato dal Cds alle spese legali della fase cautelare, pari a 2 mila euro. La decisione dei giudici amministrativi di appello è relativa al ricorso presentato dal Consiglio superiore della Magistratura contro il Ministero della Giustizia e Carlo Maria Zampi che al Tar del Lazio in primo grado aveva ottenuto l'annullamento della delibera del Csm con l'incarico ad Aniello a Genova.

Fonte: ANSA

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos