Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Avrebbe frodato lo Stato "gonfiando" il danno ricevuto dalla criminalità organizzata: il Gip del tribunale di Gela ha dato così l'ok al sequestro della somma di oltre 396 mila euro che il presidente dell'associazione antiracket, Renzo Caponetti, avrebbe ottenuto dal fondo per le vittime di mafia. Secondo gli accertamenti effettuati dalla Guardia di Finanza di Gela, coordinati dalla locale procura, Caponetti e la moglie, che avevano una attività di commercio all'ingrosso di generi alimentari, avrebbero mediante artifizi e raggiri dichiarato di aver avuto un fatturato minore, quindi un mancato guadagno, per situazioni di intimidazione perchè era a capo dell'associazione antiracket. Con questo comportamento i coniugi Caponetti avrebbero indotto in errore l'Ufficio del Commissario per il Coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura che, accogliendo l'istanza, ha erogato la somma di oltre 396 mila euro, ora sequestrata. Nel procedimento penale e' indagata anche la moglie di Caponetti. Le indagini preliminari per malversazione a danno dello Stato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche sono in corso e sono state svolte dalla Guardia di Finanza del Gruppo Gela, guidata dal maggiore Michele Bellopede e dalla sezione di Pg presso la Procura di Gela.

Fonte: Agi

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy