Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata respinta dalla Cassazione la richiesta di Nunzia Graviano, la sorella 54enne dei capomafia stragisti Giuseppe e Filippo - entrambe all'ergastolo -, la quale in seguito all'assoluzione definitiva ottenuta il 30 aprile 2018 con la formula "per non aver commesso il fatto", voleva essere risarcita per aver passato tre anni, quatto mesi e 15 giorni in carcere, dal 29 novembre 2011 al 13 aprile 2015, con l'accusa di gestire di fatto il patrimonio dei fratelli detenuti. Ad avviso della Corte di appello di Palermo, quale giudice della riparazione, come emerge dall'ordinanza del 25 maggio 2021 condivisa dagli 'ermellini' - nel verdetto 30054 depositato oggi -, vi erano stati "plurimi e perduranti" rapporti della Graviano con membri del clan mafioso di Brancaccio, uomini come Cesare Lupo, Giuseppe Arduino e Giuseppe Faraone, che andavano fino a Roma, dove la donna gestiva un bar in Via Tripolitania, per incontrarla. Anche brevemente, per una ventina di minuti, compresa la notte di Natale del 24 dicembre 2010. Secondo le dichiarazioni di alcuni pentiti, in quelle circostanze alla sorella dei boss venivano dati i soldi degli affitti di beni appartenenti ai fratelli Graviano. Per la Cassazione, questo via vai da Palermo a Roma, anche se non è sfociato in una sentenza di condanna, "non lascia dubbi sulla rimproverabilità" nei confronti di Nunzia Graviano di "una condotta tale da legittimare pienamente il provvedimento restrittivo", un comportamento di "pericolosa connivenza".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy