Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È nulla la delibera con la quale il Plenum del Csm il 13 febbraio 2020, con la quale è stato conferito al dott. Roberto Aniello l'Ufficio direttivo di Procuratore generale presso la Corte d'Appello di Genova. L'ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha accolto un ricorso proposto dal magistrato Carlo Maria Zampi. Uno solo il motivo di censura proposto per lamentare "l'erroneita' della delibera impugnata, per avere omesso la completa valutazione del suo profilo professionale, oltre che per una non corretta comparazione tra quest'ultimo e il profilo del prescelto". La delibera contestata avrebbe trascurato le "significative esperienze" del dott. Zampi "sulla base del fallace assunto secondo cui le esperienze direttive di fatto non rientrerebbero tra gli indicatori specifici di attitudine direttiva".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy