Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Con la condanna dell'ex carabiniere Gerardo Schettino alla pena di 25 anni e sei mesi di reclusione, si è concluso ieri sera a Matera il processo a carico dei presunti componenti di un clan - ritenuto mafioso dalla Procura distrettuale di Potenza - che ha operato nel Metapontino. Per Schettino il pm, Anna Gloria Piccininni, aveva chiesto la condanna a 28 anni di reclusione. Fra le accuse rivolte ai componenti del clan vi è la rapina ad un supermercato, l'incendio di un'azienda agricola, un tentativo di omicidio per della droga non pagata e, nel 2018, le minacce al giornalista Filippo Mele, che aveva denunciato le infiltrazioni del clan nella zona jonica lucana. Al termine di una camera di consiglio durata circa 12 ore, il Tribunale ha condannato a 26 anni e sei mesi di reclusione un altro imputato, Domenico Porcelli, e a 19 anni e sei mesi Nicola Lo Franco. Oltre a condannare altri imputati, il Tribunale ha disposto, per Gerardo Schettino e altri sette imputati, l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e l'interdizione legale per la durata della pena e, per tutti i condannati, la libertà vigilata per tre anni dopo aver scontato la pena. In un altro processo analogo che si è concluso stasera, il figlio di Schettino, Giuseppe, è stato condannato alla pena di 20 anni e sei mesi di reclusione. Per altri imputati il Tribunale ha deciso condanne da 17 anni e sei mesi a 12 anni di reclusione.

Fonte: Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy