Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il procuratore di Bologna, Giuseppe Amato, e l'aggiunto di Milano Maurizio Romanelli hanno presentato ricorso al Tar per "l'annullamento" della delibera con cui il Consiglio superiore della magistratura, lo scorso 7 aprile, ha nominato Marcello Viola a capo della procura di Milano. La notizia, anticipata dal quotidiano 'Il Dubbio', è stata confermata all'Ansa. Lo scorso 7 aprile Viola, 65 anni, era stato eletto con tredici voti, Romanelli ne aveva ottenuti sei, Amato tre. Al centro dei rilievi, secondo quanto appreso, ci sarebbe la valutazione dati ai rispettivi incarichi direttivi, rispetto a quelli del concorrente.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Il Csm ha deciso: Marcello Viola procuratore della Repubblica di Milano

Corvi: adesso basta!
di Giorgio Bongiovanni   

Caos Procure, Viola: ''Nessuno al Csm mi disse 'voterò per te''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy