Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sei condanne e due assoluzioni hanno chiuso oggi a Torino in Corte D'Appello uno dei processi originati dall'inchiesta Barbarossa sulla presenza della Ndrangheta nell'astigiano. Rispetto alla sentenza di primo grado, del 12 dicembre 2020, c'è stata una assoluzione in più ma è stata riconosciuta a un paio di imputati il reato di associazione di stampo mafioso. Ora le pene oscillano tra i 4 anni e i 10 mesi e i 7 anni e 10 mesi (in continuazione con una condanna precedente). In aula l'accusa è stata sostenuta dal procuratore generale Marcello Tatangelo. L'indagine riguardò le attività di clan che, operando con le stesse modalità delle case madri calabresi, oltre a dedicarsi a estorsioni e traffico di stupefacenti si erano infiltrati nell'ambiente economico e anche dello sport locale: nel fascicolo comparvero i nomi di tre società di calcio dilettantistiche.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy