Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Quinta Commissione del Csm ha proposto la riconferma di Pietro Curzio e Margherita Cassano negli incarichi di primo presidente e presidente aggiunto della Cassazione dopo l'annullamento, venerdì scorso, delle due nomine da parte del Consiglio di Stato.
La decisione della Commissione è stata presa a maggioranza: favorevoli il presidente Antonio D'Amato (Magistratura Indipendente), la togata di Area Alessandra Dal Moro e i due laici Alessio Lanzi (Forza Italia) e Fulvio Gigliotti (M5S), mentre si sono astenuti i togati Sebastiano Ardita (A&I) e Michele Ciambellini (Unicost). La proposta di riconferma di Curzio e Cassano ai vertici della Suprema Corte - con nuove motivazioni, anche alla luce di quanto sottolineato dal Consiglio di Stato nelle sue pronunce di annullamento - dovrebbe essere esaminata dal plenum già nelle sedute di questa settimana, quindi prima della cerimonia di inaugurazione dell'Anno giudiziario in Cassazione fissata per venerdì prossimo, 21 gennaio, con la relazione di Curzio.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Tar annulla i vertici della Cassazione. Quinta commissione Csm convocata domani

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy