Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Consiglio di Stato il 14 gennaio con due sentenze “gemelle” ha annullato senza rinvio le delibere del Consiglio superiore della magistratura - datate 15 luglio 2020 - con cui Pietro Curzio e Margherita Cassano sono stati nominati primo presidente e presidente aggiunto della Corte di Cassazione.  Entrambi i magistrati sono iscritti a una corrente: Curzio è membro di Magistratura democratica (la sigla di sinistra), Cassano di Magistratura indipendente (il gruppo conservatore). Per rimediare a questo la “V Commissione” del Consiglio Superiore della Magistratura si riunirà domani nel primo pomeriggio in presenza per trovare una via d'uscita dopo la dichiarazione di illegittimità delle delibere di palazzo dei Marescialli. L'obiettivo è quello di indicare una via da seguire al plenum del Consiglio superiore della magistratura fissato per mercoledì 19 gennaio, due giorni prima della solenne cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario che si svolgera' come di consueto, anche se in modo molto 'snello' per la pandemia, proprio in Cassazione alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy