Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Da parte nostra c'è massima attenzione sul rischio di infiltrazioni criminali sull'utilizzo degli ingenti fondi che arriveranno dall'Europa per il risanamento dello stabilimento Ilva. C'è grande preoccupazione per impedire che vengano solleticati gli appetiti di gruppi criminali". Lo ha detto il procuratore facente funzione di Taranto, Maurizio Carbone, audito dalla Commissione di inchiesta sulla criminalità organizzata del Consiglio regionale della Puglia che oggi ha convocato una seduta con i procuratori di Lecce, Taranto e Brindisi e i prefetti delle tre province. Il procuratore di Brindisi, Antonio De Donno, ha posto invece l'accento sul rischio che "la riconversione industriale porti a uno stravolgimento del mondo del lavoro", con ricadute occupazionali molto importanti. Su Brindisi, inoltre, è stato evidenziato il fenomeno delle "infiltrazioni criminali nel settori turistico-alberghiero e della ristorazione".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy