Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Klaus Davi nelle sue inchieste sulle ferrovie ha rispettato il diritto di cronaca tanto che perfino l'opponente gli dà ragione”. E’ così che il giudice del Tribunale di Milano Aurelio Barazzetta ha archiviato la querela del boss Demetrio Logiudice nei riguardi del giornalista Klaus Davi. Lo rende noto l'avvocato Francesco De Luca, legale del giornalista, il quale ha affermato in una nota che “il boss di Sangiovannello non aveva preso bene l'inchiesta di Klaus Davi sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nelle ferrovie, partita con un video risalente al 27 luglio 2017 (prodotto da RTV) in cui il giornalista intervistava un operaio che denunciava la presenza dominante e condizionante dei boss nella gestione delle società appaltatrici. In una serie di post e di video negli anni Davi ha fatto emergere uno scenario di acclarata illegalità. Per il giornalista - si legge - le società risponderebbero alla gestione di Gioacchino Riedo, una sorta di mediatore fra le cosche Tegano, De Stefano e Labate. In particolare, riferito a Demetrio LogiudiceKlaus Davi scriveva in un post 'incriminato' come mai Demetrio Lo Giudice e altri affiliati lavorassero per le società delle ferrovie senza andare mai sul posto di lavoro, al pari di altri pesi massimi della criminalità organizzata".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy