Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I pubblici ministeri della Dda di Catanzaro Paolo Sirleo e Veronica Calcagno nel corso del processo "Basso Profilo" hanno chiesto di rimodulare la pena per il collaboratore di giustizia Tommaso Rosa, di 57 anni, il quale si è autoaccusato dei reati contestati, alcuni anche gravi come quello di una sua partecipazione all'omicidio di Rocco Corigliano, che non è oggetto del processo. Degli originali 20 anni richiesti i pm hanno chiesto al gup Simona Manna che venga rimodulata la pena a 8 anni di reclusione. I magistrati hanno inoltre chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche per Concetta Di Noia, moglie di Rosa, la quale oggi ha affermato di avere aperto delle aziende su spinta del marito e di non sapere che Antonio Santo Bagnato appartenesse alla ‘Ndrangheta. Nei suoi confronti l'accusa ha chiesto uno sconto di pena dagli originali 14 anni invocati a 8 anni di reclusione. Concetta di Noia e il marito sono accusati di associazione a delinquere semplice, aggravata dal metodo mafioso e, insieme ad Antonio Gallo, sono considerati i promotori e gli organizzatori di questa associazione, ricoprendo l'incarico di amministratori di fatto di oltre 20 società ‘schermate’ da prestanome e adottando tutta una serie di accorgimenti illeciti per eludere i controlli dell'Agenzia delle entrate e della Guardia di finanza. Società che vedevano la partecipazione anche di Antonio Santo Bagnato, boss di Roccabernarda, che dava il nullaosta per lo svolgimento delle attività, individuavano i soggetti da impiegare nel sodalizio e percepivano una percentuale per l'attività compiuta.

ARTICOLI CORRELATI

Inchiesta 'Basso profilo': deciso il carcere duro per Antonio Gallo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy