Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata archiviata dal gip di Palermo l'inchiesta sul sindaco di Paceco, in provincia di Trapani, Giuseppe Scarcella, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Il primo cittadino lo scorso anno era stato coinvolto in uno dei blitz della Dda di Palermo eseguito dai carabinieri il 7 luglio 2020, in cui era stato arrestato il boss-massone Mariano Asaro, scarcerato nelle settimane successive. "L'Ufficio giudiziario della Procura, in risposta ad un'istanza presentata nei giorni scorsi dall'avvocato Giovanni Palermo, difensore di Scarcella, ha comunicato che il procedimento penale è stato definito con decreto di archiviazione del Gip di Palermo il 5 marzo 2021, su conforme richiesta del pubblico ministero del 26 febbraio 2021", si legge in una nota diffusa dal comune di Paceco. Il giorno della retata antimafia il sindaco Scarcella si era avvalso della facoltà di non rispondere, ribadendo in consiglio comunale la sua posizione. "Non ho mai favorito la Mafia, non ho mai contratto patti, ho mantenuto le distanze e l'ho pure combattuta; ed è giusto che la comunità sappia che io non ero al Municipio ad intrattenere rapporti e incontri con Tizio o Caio, piuttosto svolgevo - e continuo a svolgere - la mia attività istituzionale nell'assoluto rispetto delle regole e della legalità".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy