Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura ha condannato alla sanzione della perdita di anzianità di due mesi Cesare Sirignano (in foto), ex pm della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, oggi sostituto alla procura di Napoli Nord. La posizione di Sirignano era finita all'attenzione della sezione disciplinare in relazione alla vicenda dell'ex magistrato Luca Palamara. Oggetto del procedimento una conversazione intercorsa tra i due nel maggio del 2019. Sirignano, negli scambi con l'ex presidente dell'Anm, si informava sul risiko delle procure, in particolare quella di Perugia, per conto di un altro collega, e commentava con Palamara l'estromissione di Nino Di Matteo dalla Procura nazionale retta da Federico Cafiero de Raho. Il pg della Cassazione aveva chiesto 6 mesi di perdita di anzianità. Sirignano era stato trasferito d'ufficio a maggio dell'anno scorso per incompatibilità ambientale dal Csm, che a luglio lo aveva poi destinato a Napoli Nord.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy