Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sono diventate definitive, con pene tra i 20 anni e i 18 mesi di reclusione, le condanne inflitte nei confronti di otto affiliati e fiancheggiatori del clan Nuzzi di Altamura (Bari), tra i quali un ex carabiniere. Con la decisione della Corte di Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso degli imputati, e' definitiva la sentenza della Corte d'Appello di Bari che, nel novembre 2019, aveva riconosciuto le responsabilità, a vario titolo contestate, per i reati di associazione mafiosa, traffico di droga, estorsioni, furti, armi e tre omicidi. Il procedimento "Kairos" riguarda fatti risalenti agli anni 2014-2016. I provvedimenti riguardano il capo clan Pietro Antonio Nuzzi e il fratello Angelantonio, condannati rispettivamente a 20 anni e a 16 anni e 8 mesi di reclusione, i pregiudicati Nicola Sorbo (20 anni di reclusione), Antonio Stella (6 anni), Antonio Cardinale (6 anni e 8 mesi), Dionisio Rotunno (2 anni e 4 mesi con pena sospesa), Cesare Michele Oreste (17 anni e 6 mesi) e l'appuntato scelto dei carabinieri, Stefano De Santis, condannato a 18 mesi di reclusione. De Santis, all'epoca dei fatti in servizio presso il nucleo radiomobile della Compagnia di Altamura, era imputato per corruzione e rivelazione del segreto d'ufficio con l'aggravante mafiosa per aver fornito al clan, in cambio di denaro, informazioni su indagini e intercettazioni in corso. Il processo ha accertato le responsabilità per il duplice omicidio di Rocco Lagonigro e Vincenzo Ciccimarra del marzo 2010 e l'omicidio di Domenico Fraccalvieri del giugno 2011.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy