Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Potrebbe iniziare ufficialmente a settembre il processo per il crollo del ponte Morandi, l'infrastruttura autostradale collassata il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. 
L'udienza preliminare verrà fissata non prima di fine settembre, primi di ottobre, come aveva già confermato il presidente dell'ufficio gip Silvia Carpanini soprattutto per problemi organizzativi. Una volta fissata la data potrebbero essere una decina le udienze davanti al gup Paola Faggioni a meno che i legali non decidano di ricusarla visto che aveva emesso le misure nei confronti degli ex vertici di Autostrade nell'inchiesta sulle barriere fonoassorbenti. "L'inizio del processo - spiega il procuratore capo Francesco Cozzi - potrebbe arrivare in primavera dell'anno prossimo". La scorsa settima i pubblici ministeri Massimo Terrile e Walter Cotugno, insieme all'aggiunto Paolo D'Ovidio, avevano chiesto il rinvio a giudizio per 59 indagati, oltre alle due società Aspi e Spea (ex controllata che si occupava delle manutenzioni e silurata da Autostrade due anni fa). Le accuse, a vario titolo, sono di omicidio colposo plurimo, omicidio stradale, omissione d'atti d'ufficio, falso, attentato alla sicurezza dei trasporti, crollo doloso e rimozione dolosa dei dispositivi di sicurezza. Le prime prescrizioni scatteranno a ottobre 2023.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy