Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sei condanne, la più alta a otto anni e quattro mesi, un'assoluzione e 18 rinvii a giudizio. E' la prima conferma giudiziaria dell'inchiesta della Dda di Bologna (Pm Roberto Ceroni) per associazione mafiosa nei confronti di un gruppo di nigeriani operante su Ferrara, legati al clan Vikings-Arobaga. L'operazione 'Signal' scattò a fine ottobre 2020 con 31 misure di custodia cautelare eseguite tra l'Emilia e il Piemonte. L'indagine era nata a fine luglio 2018 da un tentato omicidio di un giovane appartenente a un gruppo rivale, gli Eiye, aggredito con un machete da cinque connazionali in zona Gad a Ferrara. Tra i rinviati a processo, il 22 settembre a Ferrara, anche Emmanuel 'Boogie' Okenwa, dj di musica afro beat, considerato il capo del gruppo. Il Gup Francesca Zavaglia, nell'aula bunker del carcere della Dozza, ha condannato a otto anni e quattro mesi Favour Akhigbe, a sette anni, un mese e dieci giorni Joseph Adeyemi, a sei anni Emanuel Emakhu, a otto anni e due mesi Peter Shellu, anche per associazione mafiosa, reato non contestato a Eveline Monday (5 anni e 4 mesi) e Vina Ben (5 anni e otto mesi). Quattro posizioni sono state inviate a Torino per competenza territoriale.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy