Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stato rinviato, dopo la costituzione delle parti civili, al prossimo 4 novembre il processo a Catania, davanti alla quarta sezione penale del Tribunale in composizione monocratica, ai cantanti neomelodici Vincenzo 'Niko' Pandetta, nipote del boss Salvatore Cappello, e Filippo Zuccaro, in arte Andrea Zeta, figlio del boss ergastolano Maurizio, per diffamazione e minacce a due giornaliste della testata online MeridioNews. Al centro dell'inchiesta della Procura etnea la reazione dei due a un articolo giornalistico pubblicato sul sito nel gennaio del 2018 su cantanti neomelodici e sui rapporti di parentela di alcuni di loro con pregiudicati per reati di stampo mafioso. Il servizio era stato realizzato da Luisa Santangelo, rappresentata dall'avvocato Sergio Ziccone, e Claudia Maria Campese, assistita dal penalista Goffredo D'Antona, che nel processo si sono costituite parti civili. Secondo l'accusa, sostenuta dalla Procura di Catania, Pandetta e Zuccaro, difesi rispettivamente dagli avvocati Mary Chiaromonte e Salvo Centorbi, avrebbero insultato pesantemente le due giornaliste sui social network, minacciandole di fare passare loro dei "guai pesanti".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy