Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo i pm il Comune era asservito alla mafia in forza di un accordo elettorale precedente le elezioni

Il pubblico ministero della Dda di Agrigento, Alessia Sinatra, ha chiesto la condanna a 12 anni dell'ex sindaco di San Biagio Platani (Agrigento), Santo Sabella, uno dei personaggi principali dell'inchiesta "Montagna", finito in carcere il 22 gennaio del 2018 e tornato libero dopo due anni. Secondo l’accusa il Comune di San Biagio era asservito alla mafia in forza di un preciso accordo elettorale precedente le elezioni comunali.
”E’ stato eletto nel 2014 - ha detto il pm nel corso della requisitoria, articolata in più udienze e appena conclusa con le richieste finali - grazie ad un accordo col boss del paese Giuseppe Nugara, con una precisa strategia messa a punto nei dettagli che prevedeva pure una formale contrapposizione di liste che, in realtà, serviva solo a favorire la sua elezione". Secondo il magistrato della Dda, Santo Sabella, nel 2014, fu eletto grazie ad un accordo col capomafia che organizzo' tutto nei dettagli avendone in cambio la gestione di affari e appalti per uomini a lui vicini. L'accusa e' di concorso esterno in associazione mafiosa. Chiesta pure la condanna per altri 5 imputati: Domenico Lombardo, 29 anni, di Favara (8 anni), Salvatore Montalbano, 28 anni, di Favara (18 anni), Calogero Principato, 30 anni, di Favara (16 anni), Giuseppe Scavetto, 51 anni, di Casteltermini (16 anni) e Antonio Scorsone, 55 anni di Favara (5 anni). Scavetto, secondo il pm, è organico alla famiglia mafiosa di Casteltermini. Scorsone, invece, si sarebbe fatto intestare una società, in realtà di proprietà del mafioso (oggi pentito) Giuseppe Quaranta, per sottrarla al sequestro mentre gli altri imputati avrebbero avuto un ruolo nel traffico di droga gestito dal clan.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy