Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Due condanne e sei assoluzioni. E' il bilancio della sentenza emessa dal Tribunale di Locri nei confronti degli imputati al processo "Canadian" contro la 'ndrina Muià federata alla cosca Commisso di Siderno. Al termine della camera di consiglio, il presidente Fulvio Accurso ha condannato Antonio Mamone a tre anni e sei mesi di carcere per trasferimento fraudolento di valori. E' stata condannata a un anno e sei mesi di reclusione, con pena sospesa, Marilena Gravina accusata di favoreggiamento personale. Per entrambi i reati, il Tribunale non ha riconosciuto l'aggravante dell'associazione mafiosa. Sono cadute tutte le accuse per gli altri imputati accusati di far parte della cosca Muià. Sono stati assolti, infatti, "per non aver commesso il fatto" Antonio Galea, Giuseppe Macrì, Armando Muià, Giuseppe Muià, Vincenzo Muià classe 1972 e Vincenzo Muià classe 1978. Il processo era stato originato dall'inchiesta della Dda di Reggio Calabria denominata "Canadian 'Ndrangheta connection", del 18 luglio 2019.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy