Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte di Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso della Procura della Repubblica di Catanzaro contro l'assoluzione dell'ex sindaco di Isola Capo Rizzuto Carolina Girasole, che nel 2013 venne arrestata per voto di scambio e turbativa d'asta: secondo la Dda catanzarese era scesa a patti con la cosca Arena per farsi eleggere.
Il verdetto è stato emesso ieri sera.
Era stata la Guardia di finanza di Crotone, con l'inchiesta 'Insula', a indagare sull'allora sindaco il cui arresto fece scalpore in quanto Carolina Girasole era indicata a livello nazionale come simbolo dell'antimafia per essersi messa contro la cosca Arena iniziando con il Comune e Libera l'attività di gestione dei terreni confiscati. Carolina Girasole, difesa dall'avvocato Marcello Bombardiere, era stata assolto in primo e secondo grado, ma la Procura aveva presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza di appello del 27 maggio 2019. Ricorso ritenuto inammissibile insieme a quello presentato contro l'assoluzione del marito, Francesco Pugliese. La Cassazione ha rigettato anche i ricorsi di Nicola Arena, Antonio Guarino e Antonio De Meco per i quali diventa definitiva la condanna in appello a 3 anni e sei mesi di reclusione per turbativa d'asta. Annullata la condanna a 4 anni per estorsione comminata a Francesco Ponissa.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy