Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il boss di Resuttana, Giovanni Niosi (in foto), è stato condannato ieri dalla quarta sezione del tribunale di Palermo a 7 anni di carcere. L’uomo era accusato di avere messo a segno una estorsione alla pizzeria La Braciera, che si trova di fronte al Tennis Club Palermo 2, nel capoluogo siciliano. Il collegio presieduto da Bruno Fasciana ha anche riqualificato l'accusa nei confronti dell'altro imputato, Antonino Cumbo, da estorsione consumata a tentata, e lo ha condannato a 5 anni. A entrambi è stata applicata l'aggravante di Mafia, per avere partecipato ciascuno a un segmento di una estorsione orchestrata da Cosa nostra e durata decenni, prima nei confronti dei vecchi proprietari del locale e poi ai danni dei fratelli Antonio e Roberto Cottone, che decisero di denunciare dopo avere anche loro subito a lungo la ferrea legge del pizzo. I giudici (del collegio fanno parte anche Riccardo Corleo e Sergio Ziino) hanno accolto le tesi del pubblico ministero Amelia Luise. Il processo era la parte in ordinario del blitz Talea, risalente a 3 anni fa e poi svolto anche con una seconda tranche.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy