Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' terminata con con la richiesta al gup di 147 rinvii a giudizio, la requisitoria dei pm della Dda di Catanzaro Antonio De Bernardo e Vincenzo Capomolla, impegnati a rappresentare l'accusa nell'udienza preliminare relativa all'operazione antimafia "Imponimento" contro il clan Anello di Filadelfia (Vv) ed altre consorterie del Vibonese. Associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, traffico di droga e armi, scambio elettorale politico-mafioso i reati, a vario titolo, contestati. Fra gli indagati per i quali è stato chiesto il processo anche Francescantonio Stillitani, ex assessore regionale, e il fratello Emanuele Stillitani, imprenditori accusati di collusione con il clan Anello.
Al contempo è stato chiesto il rinvio a giudizio per Francescantonio Tedesco, ex consigliere comunale di Vibo.
Nel capo d'imputazione mosso a Tedesco, Giovanni Anello (ex assessore al Comune di Polia) e Daniele Prestanicola (imprenditore), anche l'accusa di aver "contribuito a formare la strategia del sodalizio in ambito politico, promuovendo il sostegno della cosca alle elezioni politiche nazionali del 2018 per Mangialavori Giuseppe, poi eletto al Senato della Repubblica". Il clan Anello è anche accusato di aver "procacciato il consenso elettorale al candidato Francesco De Nisi", non indagato, già sindaco di Filadelfia ed ex presidente della Provincia di Vibo.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy