Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Assolto "perché il fatto non sussiste". E' quanto deciso dalla quarta corte d'appello di Roma, nel processo a carico di Mario Monge, ex dirigente del consorzio di cooperative sociali Sol.Co, difeso dell'avvocato Franco Lazzorane. Nei suoi confronti l'accusa era di turbativa d'asta. La procura generale aveva chiesto di fare cadere le accuse per l'imputato. La vicenda è legata all'affidamento della gara d'appalto per l'assegnazione del servizio Cup della Regione Lazio nel 2014. L'assoluzione è arrivata nell'ambito del secondo processo d'appello dopo che la Cassazione aveva annullato con rinvio la sentenza d'appello che aveva confermato Monge ad 1 anno e 4 mesi.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy