Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"È una delle inchieste più rilevanti portate avanti dalla procura fiorentina contro la mafia negli ultimi anni. E' un'operazione che dimostra ancora una volta e sempre più inequivocabilmente che in Toscana, terra sana e immune da eccessive contaminazioni sociali, la criminalità organizzata opera in maniera forte e sempre più pervasiva". Lo ha detto il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, commentando la maxi operazione della Direzione distrettuale fiorentina - condotta dai carabinieri forestali, dal Noe e dal Ros - che ieri ha portato all'arresto di 23 persone e all'iscrizione di decine di nomi nel registro degli indagati, con accuse che vanno dall'associazione a delinquere di stampo mafioso al traffico internazionale di droga, dall'estorsione alla corruzione. "Si tratta di tre indagini distinte, collegate dal collante mafioso e in particolare dal ruolo ricoperto da personaggi contigui alla cosca ndranghetista dei Gallace", ha aggiunto Creazzo.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy