Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La corte d'appello di Genova ha confermato la condanna nei confronti dei fratelli Pietro, Donato e Francesco Fotia insieme al loro nipote Giuseppe Criaco. L'accusa era di intestazione fittizia di beni per eludere le misure di prevenzione. Nell'ottobre del 2017 erano stati condannati con rito abbreviato a Savona. In appello i quattro erano stati assolti. La Cassazione nel 2019 aveva disposto un nuovo processo d'appello. In primo grado Pietro Fotia era stato condannato a 22 mesi mentre gli altri imputati a venti mesi di reclusione con la concessione della sospensione condizionale della pena. Secondo gli investigatori della Dia coordinati dalla procura di Savona i fratelli Fotia, titolari della Scavoter, avrebbero costituito nel corso di pochi anni le società P.d.f. e Se.le.ni. s.r.l., quest'ultima poi interamente ceduta a Criaco e Casanova (che detenevano rispettivamente il 95 ed il 5% delle quote societarie e sarebbero stati quindi dei prestanome) per eludere le misure di prevenzione e per sviare la prefettura di Savona che aveva interdetto l'aggiudicazione di nuovi appalti pubblici proprio alla Scavoter.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy