Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Onofrio Fratello è stato rinviato a giudizio dal g.u.p di Trapani con le accuse di estorsione, intestazione fittizia di beni, riciclaggio, evasione fiscale, mancato versamento dei contributi e di aver lucrato sui centri di accoglienza per migranti di Alcamo e Castellammare del Golfo tramite il controllo occulto di quattro coop (Dimensione Uomo 2000, Letizia, Consorzio Servizi e Solidarietà e Benessere) con picchi di 250 migranti. Il giudice per l'udienza preliminare ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio per il politico e per altre dodici persone - le quali due anni fa erano state coinvolte nel blitz "Brother" dei carabinieri - presentata dal procuratore aggiunto di Trapani Maurizio Agnello e dai sostituti procuratori Sara Morri e Francesca Urbani.
Nel 2006 l'ex deputato, detto 'Norino', originario di Alcamo, aveva già  patteggiato una condanna per mafia, tuttavia secondo i pm avrebbe continuato a pilotare le cooperative a cui venivano affidati le strutture destinate all'accoglienza dei migranti. Le accuse sono state avanzate anche da Lorenzo La Rocca, che ha raccontato agli inquirenti di essere stato il prestanome di Onofrio Fratello per oltre un decennio.
Durante le indagini sono emersi anche collegamenti con ambienti politico-affaristici per l'apertura di altri centri di accoglienza in sinergia con un altro ex deputato, Giovanni Lo Sciuto, accusato di aver pilotato una loggia massonica deviata.
Il processo inizierà il prossimo 5 maggio davanti al tribunale di Trapani ed oltre all'ex deputato saranno imputati il fratello Salvatore Fratello, Maria Adragna, Davide Amodeo, Gaetano Calvaruso, Cristina Coppola, Benedetto Costantino, Antonino D'Angelo, Sebastiano D'Angelo, Maria Fileccia, Baldassare Marchese, Patrizia Messina e Marisa Oliver.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy