Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Prende il via oggi anche in Corte di Cassazione il processo civile telematico, prima Corte Suprema in Europa a prevedere una formula completamente digitalizzata. Dopo mesi di sperimentazione, da oggi tutti gli avvocati italiani abilitati potranno depositare atti nativi digitali. Si tratta di una tappa fondamentale, spiega il ministero della Giustizia in una nota, verso il completamento del processo civile telematico, che ha avuto un'accelerazione durante la pandemia. Il protocollo, ricorda via Arenula, era stato sottoscritto il 15 ottobre 2020 dal ministero della Giustizia con Corte di Cassazione, procura generale, Consiglio nazionale forense, Organismo nazionale forense e Avvocatura di Stato, all'esito di valutazioni condivise da magistrati di Cassazione e personale della Direzione generale sistemi informativi automatizzati. Nei tribunali civili, si legge nella nota del ministero, la digitalizzazione del processo è già una realtà consolidata: dal 2014 al 2020 sono stati oltre 50 milioni gli atti nativi digitali depositati da avvocati; oltre 30 milioni quelli dei magistrati. In Cassazione, il percorso di digitalizzazione - avviato con le tecnologie più recenti - proseguirà con il coinvolgimento a breve anche della procura generale.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy