Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, ha disposto il regime del carcere duro (41 bis dell'ordinamento penitenziario) nei confronti di Domenico Macrì, 37 anni, alias "Mommo", ritenuto ai vertici della 'ndrina dei Pardea (detti "Ranisi") di Vibo Valentia. Domenico Macrì è rimasto coinvolto nell'operazione Rinascita-Scott optando per il giudizio con rito abbreviato. La Dda di Catanzaro ha già chiesto per lui la condanna a 20 anni di reclusione per associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi, tentato omicidio e altri reati. In passato Macrì è stato già condannato nel processo nato dall'operazione antimafia "Goodfellas" per aver fatto parte della cosca Lo Bianco-Barba ed in particolare del gruppo diretto da Andrea Mantella (attuale collaboratore di giustizia). Rispetto al provvedimento che impone forti restrizioni alla vita carceraria, Domenico Macrì - difeso dagli avvocati Francesco Sabatino e Salvatore Sorbilli - avrà venti giorni di tempo per proporre reclamo al Tribunale di Sorveglianza.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy