Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Oggi la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, giudicando su un caso patrocinato dall'Avv. Andrea Bava, Socio Onorario e Consulente della nostra Associazione, ha deciso di rimettere alle Sezioni Unite la questione della piena applicabilità del D.P.R .181/09, già prevista per le vittime del terrorismo ante 2004, anche a tutte le altre categorie escluse, in particolate alle Vittime del Dovere.
La decisione prende spunto dalla recentissima sentenza, sempre della Sezione Lavoro n. 11010/20, che aveva limitato tali più favorevoli criteri alle sole vittime del terrorismo valutate prima della legge 206/04.
La Corte ha rilevato che in effetti la precedente decisione presenta “talune criticità”, in particolare accennando al fatto che essa aveva erroneamente ritenuto sussistere una ratio limitativa alle sole vittime già valutate in tempi antecedenti, basandosi sull’esigenza di rimediare all’inflazione.
Tuttavia, i benefici sono già muniti di un sistema di rivalutazione Istat e non hanno bisogno di una integrazione apposita, pertanto la “rivalutazione” di cui parla la norma si riferisce invece agli aspetti medico legali che, in quanto tali, valgono per tutti, essendo irrazionale trattare diversamente persone nella stessa situazione.
La Corte ha anche preso atto della giurisprudenza di merito e della funzione dell’art. 6 Legge 206/04, che prefigurando i nuovi e più favorevoli criteri, poi forniti in concreto dal DPR 181/09, voleva fornire una disciplina univoca per tutte le vittime.
Poiché tale ipotesi porterebbe dunque ad una applicazione generalizzata del DPR 181/09 (ossia, proprio ciò che da anni le Vittime del Dovere stanno chiedendo), andando contro ad un precedente recentissimo della stessa Sezione, la Cassazione ha dunque deciso di affidare la risposta a tale spinoso problema alle Sezioni Unite.
“Confidiamo nella celere risoluzione di questa annosa questione” dichiara il Presidente Emanuela Piantadosi “ringraziamo l’Avv. Andrea Bava per la sua pionieristica professionalità in controversie e criticità apparentemente insormontabili per le famiglie delle Vittime e perché grazie alla sua competenza riesce a ottenere giustizia per il singolo e a fornire giurisprudenza per tutta la categoria delle Vittime del Dovere”.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy