Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Citazione diretta a giudizio per diffamazione aggravata. Imputato Massimo Giletti giornalista e conduttore della trasmissione "Non è l'arena". Vittima l'ex sindaco di Mezzojuso Salvatore Giardina. Il procuratore di Termini Imerese, Ambrogio Cartosio, ha firmato il provvedimento che riguarda la vicenda delle sorelle Napoli, vittime di atti intimidatori da parte della Mafia, di cui in più puntate si è occupata la trasmissione di La7. Nel capo d'imputazione il procuratore Cartosio contesta a Giletti di aver offeso la reputazione di Giardina Salvatore in quanto nell'informare il pubblico che lo stesso sindaco, nel novembre 2018, aveva affidato dei lavori alla ditta di La Barbera Leonardo, affermava che questi è imparentato con La Barbera Simone (soggetto indagato dalla Dda di Palermo per reati commessi in correità con esponenti mafiosi) e affermava infondatamente che lo stesso La Barbera Leonardo è imparentato con il Giardina". Una ricostruzione che secondo l'accusa ha "rappresentato una situazione idonea a ingenerare nei telespettatori la convinzione che il sindaco avesse affidato i predetti lavori per favorire la Mafia". Il processo inizierà il 7 luglio nel tribunale di Termini Imerese, nel frattempo il consiglio comunale di Mezzojuso è stato sciolto per infiltrazioni mafiose.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy