Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stato condannato a sei anni di reclusione Erjon Rameta, detto Antonio, l'albanese di 32 anni accusato di essere l'esecutore materiale di due attentati dinamitardi compiuti a Foggia: il primo ai danni del ristorante-friggitoria "Poseidon" (la notte del 12 novembre 2019), il secondo ai danni del centro diurno per anziani "Il Sorriso di Stefano" della cooperativa sociale "Sanità Più" amministrata da Luca Vigilante (il 16 gennaio 2020). La sentenza è stata emessa dal Gup del tribunale di Bari Giovanni Anglana che ha riconosciuto l'aggravante della mafiosità. Il processo si è celebrato con rito abbreviato. La pm della Dda, Bruna Manganelli, aveva chiesto la condanna a 5 anni e 2 mesi. Nel corso del processo Rameta ha ammesso ogni addebito.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy