Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Antonella Duchini, l’ex procuratore aggiunto di Perugia oggi in pensione, è stata rinviata a giudizio nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura di Firenze. Duchini è stata accusata di corruzione, abuso d'ufficio e concorso in rivelazione del segreto istruttorio e peculato. Nell’indagine si fa riferimento anche a dei colloqui in cui compare il nome di Duchini presenti nelle chat dell'ex presidente dell’Amn Luca Palamara.
Secondo le accuse l’ex procuratore avrebbe rivelato il contenuto di alcune indagini che coinvolgevano suoi conoscenti e amici imprenditori con cui aveva un rapporto di frequentazione.
Nel procedimento legale sono state coinvolte inoltre altre sette persone tra cui gli ex carabinieri del Ros Orazio Gisabella e Costanzo Leone, il carabiniere Fabio Sinato, il dottor Ignazio Pusateri, l’imprenditore Carlo Colaiacovo, l’imprenditore Valentino Rizzuto e l’avvocato Pietro Gigliotti. Prosciolto il commercialista Francesco Patumi assistito dall'avvocato Vincenzo Maccarone e che era accusato di falso.
L’udienza per gli altri sette imputati è prevista per il 4 marzo, sempre a Firenze. «Siamo fiduciosi che all'esito del pieno contraddittorio dibattimentale emergerà la radicale infondatezza di ognuna delle accuse formulate a carico di Antonella Duchini e Orazio Gisabella». Hanno dichiarato gli avvocati difensori Nicola Di Mario e Michele Nannarone.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy