Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La questione sollevata dal Tribunale per i minori di Reggio Calabria

Il prossimo 9 marzo la Corte Costituzionale deciderà sulla legittimità del decreto 'antiscarcerazioni', approvato la scorsa primavera, nel punto in cui esclude per i detenuti al 41bis durante l'emergenza Covid la possibilità di avere colloqui via Skype con i propri figli minorenni. La decisione verrà presa sulla base di una questione sollevata dal tribunale per i minorenni di Reggio Calabria con due ordinanze di analogo contenuto, nell'ambito di un procedimento riguardante i colloqui tra un detenuto sottoposto al regime speciale e la propria figlia di 5 anni. Nelle ordinanze, il tribunale denuncia, in primo luogo, la "disparità di trattamento" dei figli minorenni dei detenuti sottoposti al regime speciale rispetto a quelli di detenuti in regime ordinario, con la "lesione di diritti inviolabili dei minori stessi", come quelli di "intrattenere rapporti affettivi con i familiari detenuti, idonei a garantire un corretto sviluppo della loro personalità e una condizione di benessere psico-fisico del minore". Inoltre, il tribunale evidenzia che la previsione di un divieto assoluto rappresenterebbe una misura "sproporzionata", in contrasto anche con l'articolo 27 della Costituzione, perché la pena deve consentire "trattamenti idonei al recupero sociale del reo" e, tra questi, "indiscussa importanza va attribuita al mantenimento dei rapporti familiari e soprattutto al recupero di quelli genitoriali". Infine, secondo il giudice rimettente, la valorizzazione dei rapporti tra genitori e figli minorenni sarebbe anche tutelata dai principi sovranazionali contenuti nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo che vietano pene inumane e degradanti e garantiscono il rispetto alla vita familiare.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy