Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nei giorni scorsi gli agenti della Polizia penitenziaria hanno ritrovato, all'interno del carcere di Augusta, nel Siracusano, sei telefoni cellulari. "Nonostante la gravissima carenza di organico - dice il dirigente nazionale del Sippe, Sebastiano Bongiovanni - che costringe gli agenti della Polizia penitenziaria a turni massacranti, al punto che si saltano pasti, il personale in servizio al carcere di Augusta, con grande professionalità, continua a svolgere il proprio dovere. Devo muovere una dura critica all'amministrazione penitenziaria, che è sorda ai bisogni ed alle esigenze degli agenti penitenziari". Su questi ritrovamenti la Procura di Siracusa ha già aperto un'inchiesta. Alcuni di questi telefonini sono stati rintracciati nelle celle. Ad oggi inoltre il sindacato rende noto che ci sono 4 agenti di polizia penitenziaria risultati positivi.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy