Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Oggi, 11 gennaio 2021, si è tenuta l’udienza per il processo di Quargnento (AL), dedicata, come da calendario, alla discussione della Procura della Repubblica e delle parti civili ammesse.
La Procura della Repubblica, all’esito della propria articolata discussione, ha richiesto una condanna degli imputati a 30 anni di reclusione, motivando la scelta di non sollecitare la pena dell’ergastolo sulla base della ritenuta equivalenza tra le attenuanti generiche e le contestate aggravanti.
L’Associazione Vittime del Dovere, rappresentata dall’Avv. Sergio Bellotti del Foro di Roma, ha chiesto la condanna degli imputati alla pena di giustizia ed ha vibratamente protestato in ordine alla scelta operata dalla Procura di non prevedere l’ergastolo per i due imputati, sollecitando la Corte ad una sentenza che infligga il massimo della pena prevista.
“Il 5 novembre 2019 a Quargnento persero la vita i Vigili del Fuoco Candido Antonino, Castaldo Matteo, Triches Marco e rimasero feriti altri due Vigili del Fuoco insieme ad un Carabiniere” dichiara Emanuela Piantadosi, Presidente dell’Associazione Vittime del Dovere "e per le famiglie dei caduti e per i feriti la pena del dolore non avrà mai fine”.

Il dibattimento riprenderà il 25 gennaio 2021, data in cui verrà svolta la discussione delle difese degli imputati.

Foto © Imagoeconomica

Video

  • All
  • Agende Rosse
  • Angela Manca
  • Cosa Nostra
  • Gaspare Mutolo
  • Luana Ilardo
  • Luisa Impastato
  • Peppino Impastato
  • Red Ronnie
  • Video
  • Vincenzo Muccioli

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy