Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il giudice del tribunale di Reggio Emilia, Giovanni Ghini, ha assolto "per non aver commesso il fatto" cinque imputati accusati a vario titolo di intestazioni fittizie, con l'aggravante di aver agito per favorire la cosca di 'Ndrangheta emiliana legata ai Grande Aracri. Il processo, in rito ordinario, è un filone scaturito dalle indagini di 'Aemilia'. A giudizio, i parenti dell'imprenditore pentito Giuseppe Giglio considerato dagli inquirenti il 'regista' del piano imprenditoriale a servizio del sodalizio: il padre Francesco, il fratello Antonio (per i quali la pm della Dda, Beatrice Ronchi aveva chiesto tre anni e due mesi) e la madre Gaetana Crugliano (due anni e otto mesi la richiesta per lei) tutti difesi dall'avvocato Fausto Bruzzese. Con loro anche i commercialisti Agostino Donato Clausi, difeso anche lui da Bruzzese, e Mario Mazzotti (assistito dal legale Franco Beretti) per i quali la Procura aveva chiesto rispettivamente 5 anni e 2 mesi di condanna e 4 anni e 2 mesi. Le motivazioni della sentenza sono attese entro 90 giorni.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy